lunedì 9 settembre 2013

Vamos a Sevilla!!!

Vamos!!! Volete qualche consiglio per visitare Siviglia?? Partiamo insieme!!!
Da affezionata cliente non potevo prendere altra compagnia aerea che la Ryan Air logicamente! :-)
Una volta arrivata là insieme alla mia amica mi sono diretta al B&B prenotato già da casa e visto che ancora era mattina e avevamo l'intera giornata a nostra disposizione, dopo aver fatto un'abbondante colazione siamo partite alla conquista della città.



Come prima impatto però abbiamo abbiamo vagato senza meta, proprio per goderci il clima spagnolo, percorrendo vicoli con negozi pieni di ventagli e di vestiti da ballerina di flamenco....il simbolo per eccellenza!
Poi finalmente abbiamo iniziato la visita più dettagliata e siamo entrate nella Cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia che è la più grande cattedrale gotica del mondo e il suo interno merita senza dubbio una visita, anche perchè custodisce la tomba di Cristoforo Colombo.



Ma in realtà la parte più conosciuta è senza dubbio la Giralda che pur avendo un'entrata autonoma che consente di salire fino al punto più alto da dove ammirare tutta la città, esercita la funzione di campanile della cattedrale.



Una curiosità su di essa è che venne costruita cercando di imitare il minareto della moschea di Marrakech e fa parte del patrimonio dell'umanità.
Devo ammettere che non vedevo l'ora che arrivasse il momento dei pasti, le tapas di Siviglia sono la fine del mondo. La prima sera siamo andate a la Bodega El Patio, Taberna Sevillana dove abbiamo assaggiato dei panini strepitosi.



La sera la vita si concentra solamente nella piazza principale che pullula di ragazzi, essendo una città universitaria, altrimenti girando nelle altre zone non si incontrano tante persone; anche la visita notturna della città merita tantissimo: i bellissimi palazzi illuminati assumono un'aria stupenda.
La mattina seguente abbiamo iniziato la giornata facendo colazione nella pasticceria più antica della città : La Campana fondata nel 1885.
Andando alla scoperta di una nuova zona, abbiamo potuto ammirare il Metropol Parasol, che a prima vista sembra un' enorme famiglia di funghi; esso è stato costruito come copertura per un'area archeologica scoperta casualmente e come copertura per il mercato della frutta e della verdura. Ha una piazza sopraelevata con diversi bar e una terrazza panoramica e in estate, quando la temperatura è veramente elevata, offre un pò d'ombra ai passanti.



Continuando la nostra passeggiata abbiamo raggiunto il famoso ponte di Calatrava...pausa pranzo e poi visita guidata alla Plaza de Toros.


Oggigiorno ci si batte per l'abolizione della corrida, ma  per tantissimi anni ha fatto parte del folclore della città e della nazione intera, quindi secondo me è una visita interessante; si capiscono tutti i passaggi ed i vari meccanismi che da semplici spettatori non si possono nemmeno immaginare, vi spiegano le postazioni della famiglia reale, vi raccontano anche la storia dei più famosi toreri di sempre e dei tori più forti.



Uscite da qui, abbiamo raggiunto la Torre dell'Oro, così chiamata perchè quando venne costruita era completamente ricoperta di maioliche; essa si trova sulla sponda del fiume Guadalquivir.



Solito pranzo con le tipiche e squisite prelibatezze del posto e poi visita al famoso quartiere del Barrio di Santa Cruz. Si tratta del quartiere più storico di Siviglia, vicino al centro, le cui viette strette e pittoresche, le piante e i fiori dei cortili portano in un'altra epoca. Trascorrete un pò di tempo qui e magari datevi allo shopping prima di cenare in un ristorantino del posto e magari cambiando piatto, potete provare la paella.



L'ultimo giorno l'abbiamo dedicato alla visita dell'Alcazar, ovvero un palazzo reale che venne costruito per la prima volta dai mori, ma subì negli anni varie modifiche e vari ampliamenti.



Rappresenta uno dei migliori esempi di architettura Mudejar, sviluppatasi durante il regno cristiano, ma che utilizzò influenze islamiche.



Al suo interno troverete infatti una fortissima tendenza arabeggiante. Le sezioni più famose sono " Il cortile delle fanciulle" e "La Casa de contratacion" dove veniva regolato il commercio.


Essendo l'ultimo giorno abbiamo approfittato per fare delle compere e per ritornare nei nostri luoghi preferiti per poi concludere la serata nel migliore dei modi. Anche voi dovete assolutamente andarci, sto parlando di El Reconcillo, un luogo storico in cui assaggiare vari tipi di tapas, imperdibili gli spinaci con i ceci e il baccalà..tutto circondato da un'atmosfera unica, non ci sono tavoli ma vecchie botti utilizzate come tali...lo consiglio vivamente e fosse per me, ci tornerei subito.


Con la pancia piena ci siamo poi dirette in un teatro della città per assistere ad uno spettacolo di flamenco.....valutate bene le proposte, perchè spesso sono solo eventi per turisti. ma noi siamo state consigliate dal proprietario del nostro B&B e siamo andate sul sicuro: Ottimo spettacolo autentico!
E così è finita l'avventura spagnola, perchè il giorno dopo il solito aereo Ryan Air ci attendeva in aeroporto!
Buona Spagna!!!
Al prossimo weekend,
Viaggiatrice seriale.

PS: vacanza adatta anche a sole donne, non è una città pericolosa.
PPS: non l'ho mai citata, ma era sottintesa...Cerveza a volontà!

Nessun commento:

Posta un commento