lunedì 24 marzo 2014

Giornate FAI per scoprire l'Italia

Come ogni anno il FAI, Fondo Ambiente Italiano decreta delle giornate in cui vengono aperti al pubblico diversi luoghi in cui generalmente è vietato l'accesso.
Quest'anno le giornate Fai Di Primavera sono state il 22 e il 23 Marzo ed i luoghi interessati più di 750 in tutta Italia fra musei, parchi, chiese e luoghi di interesse culturale.
Logicamente è un'occasione da non perdere, così anche io ne ho approfittato; non mi sono spostata ma ho scelto di scoprire "i tesori nascosti" della mia città, così ho potuto ammirare l'interno dell'edificio della Banca d'Italia - Filiale di Pesaro.
L'accoglienza è stata attraverso un riepilogo storico di tutti gli edifici in cui è stata ospitata prima di arrivare nella sede attuale, infatti la prima sede istituita nel 1864 fu severamente danneggiata dai bombardamenti durante la II Guerra Mondiale.


La cosa maggiormente interessante a mio avviso è stata l'esposizione di biglietti in lire emessi negli oltre 100 anni di attività della Banca, dalle prime banconote che riportavano la scritta "Banca Nazionale del Regno d'Italia" alle ultime lire fino ad arrivare agli euro e in anteprima ci hanno mostrato anche come sarà la nuova banconota da 10 euro. Una vera chicca però è stata l'esposizione delle lire utilizzate nel nord Africa al tempo delle colonie, veramente belle.
Oltre al fatto di vederle fisicamente in esposizione, il valore aggiunto è stato dato dalla storia e dalla contestualizzazione di ogni singola banconota.
Al piano superiore invece avevano allestito una mostra e una proiezione  delle più famose opere dell'artista ceramista Bruno Baratti.
Una curiosità: l'edificio che ospita la Banca d'Italia a Pesaro è stato costruito con 18 tipi differenti di marmo.
Le giornate Fai di Primavera hanno riscosso un grandissimo successo, i dati parlano di 600.000 visitatori, segno che la popolazione è interessata al patrimonio artistico e naturalistico italiano... speriamo che venga valorizzato e rispettato sempre più.
Al prossimo anno, per la XXIII edizione,
Viaggiatrice seriale.

PS: il tutto è stato possibile grazie agli oltre 7000 volontari e ai 22.000 apprendisti ciceroni.
PPS: come dice il motto dei FAI: "2 giorni per ammirare l'Italia, 365 per salvarla".

Nessun commento:

Posta un commento