lunedì 10 agosto 2015

Il castello di Montebello e la leggenda di Azzurrina

Sapete come nasce una leggenda?!
Da una storia vera.
La dinamica è grosso modo quella del famoso gioco "telefono senza fili".
Delle persone si posizionano una di fianco all'altra, il primo sussurra una frase all'orecchio del vicino e così via; all'ultima persona la frase non arriverà mai identica all'originale, ma con delle modifiche.
Detto ciò, rechiamoci in provincia di Rimini, al castello di Montebello di Torriana, più conosciuto come il castello di Azzurrina.
La poderosa rocca, nel borgo chiamato un tempo Mons Belli, domina l'intera valle del Marecchia e offre ai visitatori uno scorcio meraviglioso; casa, rifugio e nascondiglio per centinaia di anni, è arrivata ai giorni nostri ancora intatta, racchiudendo in se misteri, tesori e storie.



E' possibile effettuare sia visite diurne, che notturne, ma sappiate che si tratta di due cose differenti, vengono trattati aspetti diversi.
Armata di coraggio, una sera ho coinvolto un mio amico e ci siamo recati a Mons Belli, proprio per una visita notturna.
Lasciatevi trasportare dall'immaginazione.
La strada per arrivare alla rocca è già parte integrante dell'atmosfera che troverete dopo, curve e tornanti poco illuminati vi aspettano prima di arrivare al borgo sormontato dal castello in cima ad un'altura.
Giusto una ventina di scalini e vi ritroverete davanti al cancello d'ingresso, fate il biglietto e via che inizia in bello.
Una guida vi farà viaggiare nel tempo, illustrandovi le varie particolarità del castello.
La rocca mostra evidenti segni di ristrutturazione, che coincidono poi con le differenti epoche storiche, intuibili dalla diverse tipologie di pietre utilizzate per la costruzione del castello.



La visita inizia dal cortile esterno per poi salire attraverso una piccola scala in pietra, con gli scalini completamene diversi l'uno dall'altro - pare fosse un trabocchetto per gli eserciti nemici che riuscivano ad entrare nella rocca - che conduce al camminamento esterno attraverso il quale si raggiunge l'altra ala dalla costruzione e dal quale si può ammirare l'intera vallata del Marecchia.
Durante la visita notturna si affronta soprattutto l'aspetto paranormale della rocca, si trattano gli aspetti più scuri del medioevo e si parla dello svolgimento delle ricerche sul paranormale.
Eccoci proprio in una sala che ha visto al suo interno diversi fenomeni strani, se così possiamo chiamarli.
Vi troverete davanti ad un tavolo ovale che in alcune occasioni ha persino levitato.
Nella sala successiva invece, davanti ad una specie di grande armadio, il custode del castello, durante le fasi abituali di pulizia della stanza ha visto materializzarsi una figura a testa all'ingiù e sul soppalco in legno si può notare ancora un'impronta.
Logicamente non vi svelo tutto, altrimenti vi rovino la sorpresa.
Sappiate che altre stanze riservano altre storie simili.
Ma veniamo alla famosa leggenda legata a questo luogo: la storia di Azzurrina.
Nell'anno 1375 il castello era abitato da Ugolinuccio e dalla sua famiglia; la sua bambina era diversa dalle altre,aveva i capelli e la pelle bianchi in quanto era albina e la madre, per proteggerla cercava di scurirle i capelli con una tintura naturale, la quale però non ebbe l'effetto sperato e la bambina si ritrovò con i capelli azzurri.



Il suo nome era Deline (o Guendalina) e trascorreva le giornate giocando nel castello con una palla di stracci, fino al 21 giugno dello stesso anno, quando scomparve nel nevaio e non se ne ebbe più notizia.
La storia venne tramandata oralmente e si trasformò pino piano in leggenda, arricchendosi di piccoli dettagli.
Ogni anno, proprio il 21 giugno si sentono degli strani rumori nel castello...che fosse proprio la bambina? A voi il responso.
Il castello è meta di visite sia da parte di persone che credono in fenomeni paranormali, sia di persone scettiche, le sue porte sono aperte a tutti....fateci una visita, secondo me merita davvero.
La visita notturna non è indicata ai bambini, con loro andateci di giorno e vi gusterete i particolari architettonici e storici per terminare comunque con la leggenda di Azzurrina.
Il costo del biglietto è di 9€ per la visita notturna e 7€ per quella diurna.
Alla prossima leggenda,
Viaggiatrice seriale.

2 commenti:

  1. Ciao che bello il tuo racconto,mi sembra quasi di essere venuta anche io.
    Mi piace il tuo blog perchè ti fa viaggiare anche restando a casa.
    da oggi ti seguo come followers e se ti fa piacere puoi passare a trovarmi sul mio blog
    http://labottegacreativadieli.blogspot.it
    o anche sulla mia pagina fb .
    Ciao a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, grazie mille!:-) Io invece ti devo fare i complimenti per il tuo blog, troppo carino!!!!Proverò a creare qualcosa seguendo i tuoi tutorial...poi in caso ti faccio sapere!!! Buona serata!

      Elimina