martedì 3 dicembre 2019

Mercatini di Natale di Pergola

La lista dei mercatini di Natale si allunga e oggi vi porto a quelli di Pergola.

Le luminarie del Corso
Siamo in provincia di Pesaro-Urbino e abbinerete sicuramente questo nome al vino di visciole e ai Bronzi di Pergola.

I mercatini di Natale 
I giorni 6-7-8 dicembre si  svolgerà la CioccoVisciola di Natale, una festa in cui si incontrano il cioccolato e i migliori visciolati della zona.


La visciolata o vino di visciole, si ottiene dal frutto della visciola abbinato al vino rosso.
Per l'occasione il centro storico di Pergola si riempie di bancarelle, stand che vendono i migliori cioccolati e i migliori vini di visciole, luminarie e tante altre attrazioni.

Vino di visciola in bicchierino di cialda e cioccoalto
Un grande albero illumina il Presepe artistico, mentre i portici del Palazzo del Municipio ospitano i mercatini di Natale.

Il grande albero
Mentre i più grandi si gustano il cioccovì o dell'ottimo tartufo bianco pregiato, i più piccini non staranno più nella pelle quando vedranno il Villaggio di Babbo Natale in cui potranno divertirsi, incontrare l'omone dalla lunga barba bianca, scrivergli la letterina o semplicemente divertirsi sui gonfiabili.

Villaggio di Babbo Natale
Alla fine di Via Don Minzoni non perdetevi il Christmas Village store, un'area interamente dedicata al Natale in cui poter acquistare giochi, decorazioni e oggetti di artigianato.
Sempre qui non dimenticate di farvi scattare una foto con Babbo Natale a bordo della sua slitta!

Io & Babbo Natale 
Pergola è chiamata anche la "Città delle 100 chiese" e la maggior parte di esse è visitabile; consacrate o sconsacrate che siano, custodiranno di sicuro un piccolo tesoro da mostrarvi.
Tappa immancabile durante un tour di Pergola è la visita al Museo dei Bronzi..... ma di questo ve ne parlerò a parte.
Al prossimo mercatino,
Viaggiatrice seriale.

sabato 23 novembre 2019

Mercatini di Natale di Trento e Bolzano

Mercatini, mercatini e ancora mercatini di Natale!
Questo fine settimana ne inizieranno davvero tanti.
In giro per il mondo non c'è che l'imbarazzo della scelta, ma parlando di Italia bisogna essere sinceri, quelli del Trentino Alto Adige sono veramente suggestivi, senza nulla togliere agli altri.
Io ci sono stata oramai due anni fa e ricordo ancora con piacere quell'esperienza.
Ero con due mie amiche e visti i numerosi km che ci separavano dalla nostra destinazione abbiamo optato per un viaggio in pullman organizzato.



Insomma, siamo partire più o meno all'alba per arrivare circa a metà mattina a Bolzano.
Che dire, la sensazione che si prova quando ci si trova di fronte a quella moltitudine di bancarelle e chioschetti addobbati a festa è davvero gratificante.



Palline, orologi, manufatti di ogni genere in legno,scacciapensieri...di tutto di più.
Per non parlare poi del cibo...umh che meraviglia!




Per fortuna siamo rimaste un solo giorno, altrimenti saremmo tornate a casa con dei kg in più al posto dei regali.
Canederli, strudel e tantissima cioccolata....che bontà.
Giusto per non farci mancare niente, siamo riuscite anche ad infilarci una visita al Museo Archeologico dell'Alto Adige dova abbiamo conosciuto Otzi!



Verso l'ora di pranzo siamo ripartite per raggiungere i mercatini di Trento e anche qui siamo state accolte da un clima gioioso, siamo entrare nella zona dedicata agli espositori, e di nuovo siamo state "sommerse" una grandissima quantità di oggettistica davvero carinissima.
Se non siete degli amanti dello shopping (beati voi), vi assicuro che i mercatini vi piaceranno ugualmente, si respira un'aria davvero magica.



Avete già in programma una visita?
Se la risposta è "No" non perdete altro tempo,organizzatevi subito!
A Trento inizieranno il 23 novembre e a Bolzano il 28 novembre, avrete tempo per visitarli fino al 6 gennaio 2020.
Manca davvero poco.....Buon Natale.
Viaggiatrice seriale.

giovedì 21 novembre 2019

Candele a Candelara: il primo mercatino natalizio in Italia dedicato alle candele

I mercatini di Natale sono veramente suggestivi e ci fanno catapultare nell'atmosfera natalizia, anche se spesso sono molto simili fra loro.
A Candelara, un borgo in provincia di Pesaro-Urbino si tiene da 16 anni un mercatino molto particolare, dedicato interamente alle candele.



Questo oggetto non è stato scelto a caso, ma è profondamente legato con il paese stesso - ed anche il suo nome- infatti una leggenda racconta che un signore di Pesaro, volendo costruire un castello in questa zona, fece accendere tre candele in tre posti diversi del borgo. Nel luogo in cui non si fosse spenta, egli avrebbe costruito il suo castello e così fu.
Il luogo infatti era proprio quello in cui oggi sorge il castello e la borgata intorno.
Da più di due secoli le candele fanno parte del borgo, tanto che sono state inserite nello stemma del paese.
Tornando al mercatino, è veramente differente dagli altri, infatti prevede due spegnimenti al giorno dell'energia elettrica ed in questo lasso di tempo tutto il borgo viene illuminato solamente dalle fiamme delle candele: un momento unico  ed imperdibile.



Candelara offre poi ai suoi visitatori autentici oggetti artigianali, intrattenimenti e specialità gastronomiche della zona.
Ci saranno spettacoli e animazioni per bambini, preparazioni dal vivo di candele con cera d'api ed esposizioni di sculture in ferro battuto che illuminandosi diventano personaggi del presepe.
La manifestazione si svolgerà  per quattro weekend consecutivi: il 23-24-30 novembre, il 1-7-8-14-15 dicembre.
Candelara ha dimostrato di essere una meta molto amata dai camperisti, è proprio per questo che sono state allestite delle aree di sosta ad essi dedicate, con collegamento con bus navetta.
E' stata anche la prima in Italia a dedicare un mercatino a questo oggetto che da sempre evoca i colori e le emozioni della festa.
Se volete provare queste sensazioni, mettete in programma una gita a "Candele a Candelara".
Alla prossima festa,
Viaggiatrice seriale.

giovedì 14 novembre 2019

Mercatini di Natale a Mombaroccio

Il Natale è nell'aria, non possiamo più negarlo.
Quindi è arrivato il momento di organizzare le molteplici gite alla scoperta dei mercatini natalizi più suggestivi.
Oggi vi porto a Mombaroccio, in provincia di Pesaro-Urbino, dove il 23- 24-30 novembre e 1-7-8 dicembre prenderà vita "Natale a Mombaroccio ", l'evento natalizio che prevede presepi,sapori, tantissime bancarelle di artigiani che vendono i propri manufatti, aree dedicate ai più piccini come la casa di Babbo Natale, il Paesaggio Invernale e la Casa delle Lanterne e tanti spettacoli, il tutto all'interno del meraviglioso borgo medievale.
Saranno 37 le casette in legno poste lungo la via principale e la piazza a rendere ancora più magica l'atmosfera.



L'evento tanto atteso è senza ombra di dubbio la grande nevicata in piazza e per le vie principali che si verifica per ben tre volte al giorno verso l'ora del tramonto.



Ci sono stata lo scorso anno e ripeterò di sicuro l'esperienza perchè è una manifestazione davvero carina, vi consiglio di farci un salto.
Al prossimo mercatino,
Viaggiatrice seriale.

venerdì 8 novembre 2019

Mercatini di Natale a Sant'Agata Feltria

Volete respirare l'atmosfera natalizia?
Allora recatevi a Sant'Agata Feltria, in provincia di Rimini per ammirare il Paese del Natale.
I giorni 24 novembre 1-8-15 dicembre il borgo si trasformerà in un vero e proprio luogo magico dove poter trovare idee regalo alternative e vivere una giornata diversa dal solito.
I turisti percorreranno le strade e le piazze a suon di zampogna, ammirando i suggestivi presepi artigianali.



I bambini vorranno subito andare alla Casa di Babbo Natale e degli Elfi allestita nella Piazza del Mercato, dove potranno consegnare la propria letterina al segretario di Babbo Natale ed ammirare due renne che trainano una meravigliosa slitta.



I più grandi potranno gustarsi delle prelibatezze gastronomiche, come i "Piatti dell'Avvento" preparati seguendo le ricette tradizionali.
Il tutto sarà allietato da musiche, zampogne e spettacoli.
Segnatevi in agenda questo evento!
Al prossimo mercatino,
Viaggiatrice seriale.

martedì 5 novembre 2019

Dormire in una bolla trasparente immersi nella natura

Ho depennato un altro sogno dalla mia lista di desideri: quale sarà questa volta?!
Per realizzarlo sono andata in Francia, per la precisione vicino a Marsiglia.
Il luogo nello specifico si chiama Attrap'Reves.....segnatevi questo nome se volete trascorrere una notte indimenticabile.
Proprio qui in effetti è possibile pernottare in una bolla trasparente immersi nel bosco, dalla quale ammirare comodamente il cielo stellato e l'alba al mattino.


Bolla a tema natura

L'idea è del giovane proprietario che ha deciso di investire in questi alloggi così particolari e a mio avviso non poteva fare di meglio.
Disseminate per il bosco, sono collocate circa una decina di bolle, alcune tutte trasparenti e altre con una parte trasparente e una bianca.
Hanno tutti temi diversi e i dettagli che trovate all'interno sono davvero ricercati.
Siete più tipi da bolla glamour con tanto rosa o da bolla natura che richiama i colori caldi del bosco e quasi si mimetizza completamente?!

Interno della bolla

Oltre alle bolle sono presenti altre strutture  come per esempio la Capanna Tahitienne dove ci si sente letteralmente in un luogo paradisiaco o la casetta sull'albero.
Qualunque sia la vostra scelta, avrete a  disposizione un cannocchiale per ammirare ancora meglio il cielo stellato.

Colazione nel giardino della capanna tahitienne

Volete rilassarvi dopo aver camminato tutta la giornata o volete partire alla grande?
Non vi resta che concedervi un po' di relax e un bel tuffo nella bellissima piscina della struttura.

La bellissima piscina
Un'abbondante colazione è inclusa nel pacchetto e vi verrà servita direttamente nel vostro giardino. non vi resta che uscire dal vostro rifugio e gustare le prelibatezze francesi.
era da tanto che volevo dormire in queste strutture e finalmente ci sono riuscita.
E' una vera oasi di pace a pochi km da Marsiglia....che dire, io ci tornerei anche ora!
Se dovete fare un regalo diverso dal solito o festeggiare qualcosa di importante, questo è il luogo giusto.
Per tutti i dettagli consultate il sito.
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

sabato 2 novembre 2019

La Settimana del Baratto: partite senza soldi, ma con uno scambio

Partire, tornare, sognare di ripartire di nuovo.... credo che accada anche a molti  di voi.
Per me è proprio così, anzi a volte mi capita di pensare ad una nuova destinazione proprio nel bel mezzo di un viaggio.... lo so, non sono normale!!!
Visto però che sognare è una cosa e realizzarla è un'altra e soprattutto visto che le risorse economiche non sono infinite, oggi vi indico come poterlo fare quasi gratis.
Dal 18 al 24 novembre 2019 si svolgerà  La Settimana del Baratto, in cui molti b&b baratteranno il soggiorno in cambio di beni o servizi.



Consultate il sito per conoscere le strutture che aderiscono all'iniziativa.
Nella maggior parte dei casi vengono richiesti servizi fotografici o piccoli lavoretti di manutenzione.
Decidete in che zona vorreste andare e poi consultate la lista delle strutture e le loro richieste.
Ma c'è anche la possibilità di contattare il B&B e proporre il vostro scambio, nella speranza che venga accettato.
Questa è una bellissima ed originalissima esperienza, che offre la possibilità di viaggiare anche a chi non dispone della somma necessaria per poterlo fare.
Navigate sul sito e cercate quello che fa al caso vostro.
Il modo di partire si trova sempre!!! ^_^
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

PS: io ho già provato questa esperienza, qui il mio racconto!

giovedì 24 ottobre 2019

Due giorni in Sicilia alla scoperta del ragusano

La Sicilia mi ha sempre affascinato tanto e dopo essere stata a Palermo e a Trapani, è arrivata la volta del ragusano.
L'autunno è il periodo perfetto per visitare la zona: giornate calde e ancora con tante ore di luce, una lieve brezza che mitiga l'aria e tante meraviglie da scoprire.

Come spostarsi

La soluzione perfetta per chi vuole approfittare del  poco tempo a disposizione è senza ombra di dubbio l'automobile.
Dopo un'attenta ricerca ho scelto la compagnia con il miglior prezzo.
Io l'ho noleggiata in aeroporto a Catania e come le volte precedenti, mi sono affidata ad Auto Europe e mi sono trovata benissimo.


Belvedere su Modica

Munita della prenotazione che avevo precedentemente fatto online, mi sono recata subito al desk davanti gli arrivi e in pochissimi minuti avevo le chiavi in mano.
Ovviamente in base alle vostre esigenze o in base a dove andrete, potrete aggiungere a vostro piacimento le varie garanzie (che l'addetto vi spiegherà con cura).
Una volta ritirate le chiavi non vi resta che ritirare l'auto e partire.
Nel mio caso ho riconsegnato il mezzo nello stesso ufficio in cui l'ho ritirato, ma se non dovete tornare indietro, potete usufruire della riconsegna in un luogo diverso da quello del ritiro.

Cosa vedere in due giorni

Veniamo a noi e all'itinerario alla scoperta del ragusano.
Se come me non vi spaventa il poco tempo a disposizione ma cercate di sfruttarlo al meglio, ecco cosa potete fare.

Scicli

Trascorrere qualche ora nella bellissima Scicli.... la conoscete già?!Non sarete per caso dei fan del Commissario Montalbano?! Sapete che la serie è stata girata proprio qui e che il commissariato non è altro che il Municipio di Scicli?
Appassionati o meno, troverete i luoghi della serie.
Oltre a questi, da non perdere sono le numerose chiese e i meravigliosi palazzi storici: mi raccomando camminate con il naso all'insù perchè le facciate e soprattutto i balconi attireranno la vostra attenzione.
Munitevi di pazienza e di fiato e salite fino alla chiesa di San Matteo luogo perfetto da dove ammirare tutta Scicli dall'alto e volgere lo sguardo fino al mare.
Dopo la fatica della camminata non vi resta che recuperare le forze a pranzo, magari con un bel piatto tipico: io ho optato per la pasta con le sarde.

Pasta con le sarde


Modica

Il pomeriggio lo dedicherei a Modica, famosa nel mondo per il suo cioccolato.
Anche qui le chiese non mancano e per rendermi il tutto ancora più difficile, vi dico che ha anche due Santi Patroni e di conseguenza due Duomi.

Duomo di San Pietro a Modica
Raggiungete anche qui il belvedere per avere una visione a 360 gradi della città e quando vi sentite stanchi, fate tappa all' Antica Dolceria Bonajuto, gustate le varie tipologie di cioccolato o optate per un bel cannolo.
Indicativamente dovrebbe scendere la sera secondo il mio itinerario quindi vi consiglio di salire all'altro belvedere ed ammirare quello che sembra un vero presepe con l'accendersi ripetuto delle luci all'interno delle case, mentre il cielo si fa sempre più scuro.

Donnafugata

A pochi km di distanza da Modica si trova il Castello di Donnafugata che a mio avviso merita una visita....sicuramente più la parte esterna di quella interna.

Castello di Donnafugata

Lo sapete da dove deriva il nome?!
No, ancora non ve lo svelo ma lo farò nel post che uscirà a breve e sarà interamente dedicato a questa attrazione.

Ragusa

E ora dove si va?!
Resta indicativamente una mezza giornata che io ho trascorso a Ragusa.
Questa provincia sicula è divisa fra Ragusa centro, ovvero la parte alta e più recente dove oltre alla imponente chiesa si sviluppa la via commerciale con i vari negozi e Ragusa Ibla, fisicamente collocata più in basso ovvero, la parte più antica.

Ragusa Ibla dall'alto 
Senza fare tanti giri di parole vi dico che la seconda è la mia preferita.
Piccola, si gira tutta a piedi ma preparatevi ad una quantità infinita di scale!!
Ricca, anzi ricchissima di chiese e di palazzi nobiliari, vi lascerà senza parole.
Ovviamente dovete arrivare fino alla punta estrema , dove sorgono i giardini iblei; sistemati recentemente rappresentano perfettamente il concetto di polmone verde di Ragusa.

Questo è solo l'itinerario generale dei miei due giorni nel ragusano, ma se avete più tempo a disposizione non avrete che l'imbarazzo della scelta.

Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

giovedì 10 ottobre 2019

54° Fiera Nazionale del Tartufo Bianco di Acqualagna

L'autunno porta con se i propri frutti, primo fra tutti il tartufo.
Vi ho già illustrato più di una sagra, oggi vi parlerò di un altro evento dedicato ad esso.
Ad Acqualagna dal 27 ottobre 2019 inizia la 54° Fiera Nazionale del Tartufo Bianco.
Acqualagna è sede di raccolta di 2/3 dell'intera produzione nazionale del prezioso tubero con circa 600 quintali di tartufo di tutti i tipi.
Quindi non parlo di una sagra qualsiasi, ma del top; la secolare tradizione di ricerca, produzione e vendita fa si che il mercato sia il luogo di incontro privilegiato per la promozione e la commercializzazione sia a livello nazionale che internazionale.



La cittadina mette a disposizione i propri spazi, la piazza ospiterà gli stand dei commercianti mentre il Palatartufo con la sua imponenza accoglierà tutti i visitatori che potranno assaggiare ed acquistare il meglio della tradizione.
Tutto il contesto sarà arricchito da mostre, convegni e presentazioni di prodotti e gare di cucina.
La fiera si svolgerà poi anche nei giorni 1-2-3-9-10 novembre.
Ecco un'ottima idea per un week-end, dove abbinare una visita turistica ad un'eccellenza della cucina italiana.
Alla prossima sagra,
una viaggiatrice seriale.


domenica 6 ottobre 2019

Festival dell'Oriente a Perugia

Amici viaggiatori, per caso avete la fortuna di trovarvi in Giappone in questo momento?!
Se come me invece siete nella vostra dolce casetta ma vorreste essere lì,segnatevi in agenda questo appuntamento: a Perugia, dal 11 al 13 Ottobre si terrà il Festival dell'Oriente.
E' un appuntamento per riscoprire l'antico ed il moderno oriente, con mostre fotografiche, gastronomia tipica, bazar, cerimonie tradizionali, spettacoli folkloristici, arti marziali, concerti e medicine naturali.



Sarà infatti possibile sperimentare gratuitamente decine di terapie tradizionali, lo yoga, i fiori di bach, la meditazione e tanto altro ancora.
Se avete voglia di "teletrasportarvi" in Giappone, Cina, Malesia, Thailandia... basta che vi rechiate a Perugia.
Per tutti i dettagli della manifestazione consultate il sito.
Qui vi lascio il racconto della mia esperienza. 
Alla prossima festa,
Viaggiatrice seriale.

lunedì 30 settembre 2019

Cupramontana e la Sagra dell'Uva

Conoscete la capitale del Verdicchio?!
La risposta è Cupramontana! Ci troviamo nelle Marche, in provincia di Ancona e l'intera zona circostante è dedicata alla produzione del prelibato vino.
Si tratta di una vera e propria eccellenza, pensate che lo si omaggia anche con la bellissima Sagra dell'Uva.

81° Sagra dell'Uva
Questa festa ha origini antiche, si è appena conclusa la 81° edizione e io ho avuto il privilegio di partecipare.

Carri allegorici 

Non trovo parole migliori per descrivere il tutto che tradizione e amore per le proprie radici.
La Sagra ha una durata di 4 giorni, dal giovedì alla domenica ed è stato sempre così,sin dalla prima edizione durante la quale sfilavano i carri trainati dai buoi addobbati con grappoli d'uva, alcuni dei quali venivano poi lanciati alla folla.
Questa tradizione è sopravvissuta con il passare degli anni, ovviamente si è adeguata ai nostri giorni e si è trasformata nella sfilata dei carri allegorici della domenica pomeriggio.
Per i cuprensi è forse il momento più atteso dell'intera manifestazione in quanto le 5 contrade di Cupramontana si sfidano andando in scena ognuna sul proprio carro, rigorosamente a tema Verdicchio, creato dal nulla dalle sapienti mani dei cittadini.

Dettaglio di un carro allegorico
Ho potuto ammirare insieme ad altri blogger i carri in anteprima e oltre alla bellezza e all'imponenza, la cosa che ho percepito maggiormente è stata la passione e la dedizione dei cuprensi. Sono tutti volontari che dedicano gran parte del proprio tempo libero (da fine agosto circa fino a poche ore prima della sfilata) alla realizzazione della propria opera, coinvolgendo anche i ragazzi più giovani e trasmettendo loro questa tradizione.

Palio della pigiatura

Il sabato invece si svolge la gara della pigiatura dell'uva tra i borghi limitrofi ed è un momento davvero particolare a cui assistere:immaginatevi uomini all'interno di grosse vasche contenenti quintali d'uva che fanno del loro meglio per pigiarne il più possibile nel tempo prestabilito.

Degustazioni e stand 

Essendo il Verdicchio il re della festa, in tutte le giornate è stra-presente, potrete acquistarlo nei vari stand o partecipare alle Degustazioni in Piazzetta dove diverse cantine propongono i propri prodotti....insomma vi assicuro che c'è l'imbarazzo della scelta.

Degustazioni in Piazzetta
MIG -Musei in Grotta

Vi consiglio di non perdere una visita al Mig - Musei in Grotta che personalmente ho trovato davvero interessante. La location è bellissima e ospita al suo interno il Museo dell'Etichetta, con esposizione di circa 1000 etichette di vino provenienti da tutto il mondo (l'intera collezione ne vanta circa 10000); pensate che in Europa sono solo due i musei di questo tipo.

Interno del MIG
Finita l'esposizione delle etichette, si passa alla zona che racconta la storia della Sagra dell'Uva attraverso i manifesti pubblicitari di ogni singola edizione: un tuffo nel passato meraviglioso.

Vecchio manifesto della sagra

Le sale adiacenti ospitano La strada del gusto, illustrando un percorso fra eccellenze,prodotti, sapori e trazioni. Infine troverete l'Infopoint dove poter richiedere materiale informativo o acquistare prodotti locali. Subito fuori è stato allestito l'Horto dei Semplici, uno spazio in cui vengono coltivate le vecchie erbe medicinali....proprio nel punto in cui sorgeva l'orto monastico. Vi ho solo detto che la location è fantastica, ma non vi ho detto che era un antico monastero.....non vi resta che visitarlo di persona.
Un ringraziamento ad Erik per tutte le informazioni dettagliate.

Concerti

La Sagra dell'Uva negli anni ha acquisito molta popolarità, arrivano infatti tantissimi pullman da tutta Italia per partecipare ad una festa con radici antiche ma nettamente attuale e uno dei motivi sono anche i concerti. In tutte le edizioni infatti si esibiscono cantanti di fama nazionale ,per allietare con il canto una serata già abbondantemente piacevole grazie al Verdicchio e a tutta l'atmosfera che si respira.

L'81° edizione si è conclusa, ora non resta che pensare alla 82°...fatelo anche voi, segnatevi questo appuntamento in agenda perchè ne vale assolutamente la pena.
Un grazie di cuore a Sara e a Giorgia per averci accompagnato in questa scopeta.

Alla prossima sagra,
Viaggiatrice seriale.

PS: la zona è pefetta per staccare la spina, per una vacanza a contatto con la natura e per un turismo enogastronomico e sportivo, se cercate un alloggio vi consiglio Cupramontana Accoglie.







sabato 28 settembre 2019

Eurochocolate 2019

Cari viaggiatori, se la vostra "fame" di zuccheri è pari alla vostra sete di viaggi, non perdetevi l'occasione dell'Eurochocolate a Perugia per saziarle entrambe.
Si tratta di una manifestazione annuale dedicata alla cultura del cioccolato, che si sviluppa in più giornate nel capoluogo umbro, quest'anno le oltre 150 firme del dolciario artigianale ed industriale, da tutta Italia e dal mondo, si danno appuntamento dal 18 al 27 ottobre 2019 per inondare il centro storico di Perugia di dolcezze.
Avete capito bene, ho detto inondare, in quanto aggirandovi per gli stand potrete ammirare vere e proprie opere d'arte,riproduzioni di celebri monumenti, della nostra bella nazione, statuette di personaggi famosi e chi più ne ha più ne metta.
Ovunque rivolgerete il vostro sguardo, troverete cioccolato!
Logicamente si trova anche la tradizione, cioccolatini e tavolette di cioccolato classiche non mancheranno.



E' un'ottima occasione per gustare e fare una bella scorta di cioccolato per diverso tempo, e perchè no, anche per assaggiare strani e bizzarri accostamenti.
Persone golose da tutto il mondo affolleranno le vie del centro.
Durante la manifestazione vengono allestiti  anche numerosi eventi, spettacoli e iniziative culturali animando con corsi di degustazione e performance le vie, le piazze e i luoghi d'arte e di tradizione del centro storico.
Uno degli appuntamenti più attesi è lo Spettacolo delle sculture di cioccolato, dove abili scultori lavoreranno blocchi di cioccolato per ricavarne opere che resteranno in esposizione per tutta la durata della manifestazione.
E' la giusta opportunità per trascorrere un dolcissimo weekend, ammirando le bellezze del posto, dove tutti rimarranno contenti, dai più piccoli fino agli adulti!
Il cioccolato non delude nessuno!!!
Per tutte le informazioni più dettagliate consultate il sito.
Vi auguro una dolcissima permanenza....al prossimo weekend,
Viaggiatrice seriale.

martedì 10 settembre 2019

Easy Jet: 130.000 posti scontati del 20%

Offerta in arrivo!!!
Mentalmente siamo tutti più tristi per la fine delle ferie, ma ci pensano le compagnie aeree a tirarci su il morale con imperdibili offerte!
La compagnia Easy Jet infatti, ha messo sul mercato 130.000 posti scontati del 20% per viaggiare su tutte le tratte selezionate da e per l'Italia dal 24/09/2019 al 28/03/2019.
Direi che è l'occasione giusta per programmare qualche fuga autunnale o pensare addirittura alla prossima primavera.



Avete tempo fino al 10 settembre a mezzanotte per approfittare di questa offerta.
Per tutti i dettagli consultate il sito.
Alla prossima offerta,
Viaggiatrice Seriale.

venerdì 6 settembre 2019

Orsara di Puglia: lo chef Peppe Zullo e la sua cucina

Come trasformare un bellissimo soggiorno in Daunia in un'esperienza indimenticabile?
Gustando i piatti di Peppe Zullo.
Figlio di una contadina, lavorava con la madre al distributore di famiglia ma all'epoca erano più gli animali delle auto, così gli affari non andavano a gonfie vele.
Di fronte alla stazione di servizio aprirono un bar e poi un'affitta camere e quel lavoro fu l'inizio di una strabiliante carriera per lo chef contadino.

Peppe Zullo nella cantina di Nuova Sala Paradiso

Dalla Puglia, a 20 anni si trasferì all'estero vivendo e lavorando a Boston, Las Vegas, Los Angeles, Messico....acquisendo sempre più conoscenze.
Da oltre 30 anni è ritornato nella sua terra e secondo me è davvero la ciliegina sulla torta, il tocco magico in aggiunta alla bellezza del territorio.
Perchè vi parlo di lui? Perchè durante un viaggio in Daunia non potete non andare a mangiare in uno dei suoi ristoranti.
Pensate che gli abitanti di Orsara di Puglia e di tutti i comuni limitrofi vogliono assolutamente festeggiare il giorno delle proprie nozze gustando i suoi meravigliosi piatti e i tempi di attesa per le prenotazioni superano l'anno.
Io ho avuto la possibilità di pernottare a Nuova Sala Paradiso e ancora adesso mi brillano gli occhi al solo pensiero.

La vigna e le camere di Nuova Sala Paradiso

La location è davvero suggestiva, le camere sorgono sopra la strepitosa cantina ubicata sotto al vigneto; arrivando non immaginereste mai di avere una cantina proprio lì.
Ma della bellezza dell'interno ne vogliamo parlare?!
Suddivisa in diverse sale, può ospitare tante persone ed effettuare una degustazione proprio lì è davvero il top.

Cantina di Nuova Sala Paradiso

Cambiando ambiente e dirigendosi proprio nella grande sala, si gustano i deliziosi piatti dello chef che ama trasferire la materia prima dalla terra alla tavola.
Villa Jamele invece è l'altro gioiellino di Peppe Zullo.

Villa Jamele

Si tratta di una vecchia casa di campagna completamente restaurata che oggi ospita una scuola internazionale di cucina più alcuni alloggi al piano superiore per gli studenti.
Il suo nome è proprio quello originale della villa.
Attorno a questa struttura però si apre un mondo; un grande giardino, una bellissima terrazza ornata di alberi da frutto, un ampio edificio perfetto per gli eventi e le cerimonie, la zona dedicata agli animali e l'immenso bosco e orto dei sapori perduti, il vero regno di Peppe Zullo.
Abbiamo fatto una passeggiata al suo interno, proprio insieme allo chef e abbiamo scoperto una quantità impressionante di utilizzi delle erbe spontanee commestibili e delle piante officinali.

Peppe Zullo nel suo orto-giardino a Villa Jamele

La mattinata si è poi conclusa nel migliore dei modi, gustando i fantastici piatti dello chef Peppe Zullo.
Pranzo a Nuova Sala Paradiso


Sapete che non mi soffermo spesso sui ristoranti, ma questa volta era d'obbligo, fidatevi.
Alla prossima scoperta,
Viaggiatrice seriale.

martedì 3 settembre 2019

Leguminaria: la sagra dei legumi

Viaggiatori, siete delle buone forchette?!
Siete più carnivori o vegetariani?
Oggi vi indico una sagra indicata soprattutto agli amanti dei legumi.
Nel centro storico di Appignano, in provincia di Macerata, si svolgerà dal 19 al 20 ottobre 2019 LEGUMINARIA.
L'evento ha raggiunto la sua 16° edizione e come punti fermi ci saranno sempre gli assaggi di legumi serviti nelle cocce tradizionali, che da 500 anni compaiono nelle tavole degli appignanesi, insieme logicamente al Rosso Piceno.




Le giornate saranno allietate da diversi concerti di differenti generi.
E' un'occasione per trascorrere una giornata diversa e assaporare il valore di piatti spesso considerati poveri, ma in realtà ricchissimi di proprietà nutritive e di gusto.
Alla prossima sagra,
Viaggiatrice seriale

domenica 1 settembre 2019

Conoscete il Club dei Brutti?! Si trova a Piobbico

Sapete che in Italia esiste un paese dei brutti?!
Non perchè tutti i suoi abitanti siano privi di bellezza, ma perchè da diversi anni è stato fondato il Club dei Brutti.
Pensate, risale addirittura al 1879.



Per questo Piobbico, in provincia di Pesaro-Urbino  è davvero famoso e più di una volta se ne è parlato anche in televisione e sui giornali.
Il club nacque con lo scopo di far maritare le zitelle del paese,ma con il passare degli anni la motivazione principale è quella di sminuire il culto della bellezza, perchè vuoi o non vuoi una persona di bella presenza è più avvantaggiata in tanti ambiti rispetto ai più bruttini.
Nel centro di Piobbico troverete la sede,e potrete iscrivervi versando una piccola offerta.



Vi verrà rilasciata la tessera di socio (siamo arrivati a più di 31000) e verrà valutata la vostra bruttezza! :-)
Gli iscritti poi potranno votare per eleggere il presidente e l'elezione si terrà la prima domenica di settembre.
Io ci sono stata venerdì, durante i comizi dei candidati presidenti, dove ognuno illustrava i propri punti forti!
E logicamente mi sono iscritta ricevendo la mia tesserina!!!!



Il Festival del brutto si tiene in concomitanza con la Sagra della Polenta alla carbonara, quindi state tranquilli che non accuserete la fame.
Vi consiglio una visita a tutto il paese, davvero carino con il suo Castello dei Brancaleoni che domina il tutto dalla sua altezza.
Se volete trascorrere una giornata diversa andate a Piobbico e magari iscrivetevi anche.
Ah,ci sono iscritti diversi personaggi famosi come Maurizio Costanzo e Pippo Franco.
Al prossimo viaggio,
Viaggiatrice seriale.

venerdì 9 agosto 2019

La Festa del Duca ad Urbino

Agosto è mese di feste e sagre.
Dopo avervi parlato del Palio del Daino, ora è il momento di illustrarvi una festa che si svolgerà ad Urbino: La Festa del Duca.
Si tratta di una manifestazione incentrata sulla Rievocazione storica dedicata all'ingresso del Duca Federico nell'ordine della Giarrettiera, la più alta carica inglese.
La città di Urbino tornerà indietro nel tempo, fino al 1400 circa e potrete ammirare le truppe in costume d'epoca che insceneranno addestramenti militari per le viuzze del centro storico, botteghe artigiane, tessitori e tintori, antiquari e antichi mestieri.



Non mancheranno i buffoni di corte e i giullari e vi sembrerà di partecipare in prima persona, considerando che troverete anche interi ambienti ricreati in angoli della città, come ad esempio interni di abitazioni e locande.
Potrete ammirare gli sbandieratori di Sansepolcro e spettacoli di danza rinascimentale.
Ci saranno poi diverse competizioni, una fra tante la gara di arcieria.
Si tratta di un'iniziativa culturale che affascina visitatori e turisti facendo vivere insieme storia, tradizione ed arte nella città rinascimentale per eccellenza.
La 38esima edizione de la Festa del Duca avrà luogo ad Urbino i giorni 12-13-14 agosto 2019.
Alla prossima festa,
Viaggiatrice seriale.

martedì 6 agosto 2019

Borghi dei Monti Dauni: cosa vedere

Quando la Puglia chiama, io rispondo.
Questa volta ho scoperto una zona tutta nuova per me, quella dei Monti Dauni. Ci troviamo in provincia di Foggia., proprio al confine con la Campania, la Basilicata e il Molise.
Grazie al press tour "Orsara di Puglia: sentieri, profumi e sapori dei Monti Dauni" organizzato dalla Coopertaiva Frequenze e dal Comune di Orsara di Puglia, ho scoperto diversi comuni e diversi gioiellini.
Siete pronti per il primo borgo?

Bovino

Il borgo di Bovino in passato era molto conosciuto per il brigantaggio,si diceva infatti che coloro che sapevano di dover attraversare il Vallo di Bovino, facevano testamento prima di partire proprio per il fatto di poter essere attaccati dai briganti.
In questa zona vivevano i Guevara, conti di Bovino e sul ponte romano del borgo venne costruita la stazione di posta, una sorta di albergo per coloro che percorrevano la linea ferroviaria Napoli-Foggia.
Proprio per colmare le richieste di cibo della stazione, venne costruito un mulino.
Oggi è stato trasformato in un museo e merita assolutamente una visita.
Tutto nacque da un palazzo storico del 1810, ovvero la casa del mugnaio, sotto la quale venne ritrovato un vecchio mulino del 1600 con una sola macina. Non essendo sufficiente per la lavorazione dei cereali degli abitanti e per gli ospiti della stazione, venne abbandonato e costruito quello a due palmenti con pietra proveniente dalla Francia, talmente dura che non si scheggiava e non lasciava residui negli sfarinati.

Lo Moleno d'acqua del Ponte 

I due palmenti, ovvero le due macine erano utilizzate distintamente, una per gli sfarinati destinati agli uomini e una per quelli destinati agli animali, così da non contaminare gli elementi.
Il funzionamento è davvero particolare e affascinante, la quantità di acqua per mettere in moto le macine è davvero impressionante, quindi se capitate a Bovino dovete fermarvi a Lo Moleno d'acqua del Ponte.

La potenza dell'acqua per azionare le macine del mulino

Troja

Continuando la scoperta della Daunia, ci siamo fermati a Troja.
Inutile fare giri di parole, la sua Concattedrale è incredibile.
Dovete sapere che Federico II ebbe un rapporto sempre molto conflittuale con questa città che è sempre stata fedele al papato e quindi contro l'imperatore.
L'abside della Cattedrale però è federiciano.
Degno di nota è sicuramente l'enorme rosone romanico a 11 raggi che rappresentano i discepoli di Cristo meno Giuda e che svetta sulla facciata principale.

Facciata della Concattedrale di Troja


La struttura a 3 navate ospita 12 colonne che probabilmente rappresentano gli Apostoli.
Una volta usciti dalla Concattedrale fate una piccola sosta alla Pasticceria Casoli e chiedete di assaggiare la passionata: non vorrete più andarvene.

La passionata della Pasticceria Casoli

Si tratta di un dolcetto locale, rivisitato anche in più varianti....ma la classica è ottima.

Orsara di Puglia

Eccoci arrivati nel borgo che ci ha ospitato e che abbiamo vissuto anche durante la manifestazione Orsara in Fiore.
Orsara è sempre stata "contesa" fra Puglia e Campania, fino a qualche anno fa era infatti in provincia di Avellino.
Nasce come accampamento romano e aveva il compito di controllare il traffico.
L'origine del nome sembra derivi dal fatto che in zona si trovasse una famiglia di orsi, confermato dal fatto che anche sullo stemma del paese è raffigurato questo animale.
Da non perdere la Grotta di San Michele.

Grotta di San Michele

Visitata sin dall'antichità dai pellegrini della Via Francigena; essa è collegata alla Chiesa di San Michele, costruita nel 1527 a navata unica e illuminata da vetrate istoriate.
Lasciando alle spalle il complesso di San Michele, dirigetevi verso il centro storico e ammirate i fantastici scorci che offrono i vicoleti;

Vicoli di Orsara di Puglia

ad un tratto la parte storica lascerà spazio a quella moderna, vi troverete di fronte ai murales realizzati per il progetto Colors.
Se amate la natura, concedetevi una passeggiata al Bosco Acquara, poco distante da Orsara.

Deliceto

Ed eccoci arrivati all'ultimo borgo del nostro tour dei Monti Dauni: Deliceto dove vivono circa 4000 abitanti chiamati delicetani.
Che cosa vedere vi starete chiedendo?
Partiamo dalla Chiesa di Sant'Antonio fondata dai marchesi che trovarono sepoltura proprio al suo interno. Quì non potete non  notare un magnifico e particolarissimo organo a canne datata 1775.

Organo del 1775

Adiacente alla chiesa sorge il vecchio convento, iniziato nel 1521 e terminato del 1660.
Piccola curiosità: lo sapevate che la famosa canzone "Tu scendi dalle stelle" che tutti abbiamo cantato è stata scritta proprio a Deliceto da Sant'Alfonso?!

Convento di Sant'Antonio a Deliceto

Continuiamo la visita del borgo e visitiamo la Chiesa di Sant'Anna e Morti, non gestita da religiosi ma dai confratelli della Confraternita di Sant'Anna e Morti.
Oltre alle diverse chiese, Deliceto vanta anche un castello che negli anni ha variato differenti mansioni.
Il Castello Normanno-Svevo racchiude in sè gran parte della storia del borgo e durante la visita non potete non apprezzare la straordinaria visuale su tutto Deliceto ma ben oltre, fino a scorgere il Gargano.

Veduta del Castello di Deliceto

Anche da qui una bella tappa naturalistica è consigliata: dirigetevi al Bosco Macchione e immergetevi nella natura.

Sapete benissimo che parlando di Puglia è impossibile non dedicare una spazio all'argomento cibo e vino; durante questo tour ho toccato con mano tante realtà e ho assaggiato in prima persona tante prelibatezze che mi sento in dovere di scrivere un articolo a parte.
Devo però presentarvi fin da subito una colonna portante di Orsara di Puglia, Peppe Zullo, conosciuto come lo "Chef contadino".

Peppe Zullo nel suo orto-giardino

Abbiamo visitato i suoi rinomati locali, abbiamo pernottato in uno di questi e abbiamo assaggiato dei piatti meravigliosi.... per non parlare poi della sua simpatia e ospitalità!
Tranquilli, a breve vi svelerò tutto.
Questa zona di Puglia meno conosciuta e meno turistica mi ha davvero sorpreso e sinceramente vi consiglio di visitarla, ne vale di sicuro la pena.
Un ringraziamento agli organizzatori, alla giunta del comune di Orsara di Puglia e a tutti coloro che ci hanno fatto sentire come a casa.
Alla prossima avventura,
Viaggiatrice Seriale.